colletta di castelbianco (sv).

un tour motociclistico nell’entroterra del ponente ligure porta facilmente al borgo di castelbianco, la cui frazione di colletta è un luogo decisamente interessante.

Questo slideshow richiede JavaScript.

il recupero è avvenuto a metà degli anni ’90, su progetto di giancarlo de carlo, il quale ha rispettato con accortezza la formazione spontanea di questo antico borgo ormai abbandonato.

de carlo parlava di “forma crostacea” (dotata di spessi e solidi gusci esterni) delle costruzioni che andava rilevando sul luogo, in alternativa alle forme “vertebrate” (costituite da uno scheletro o telaio, da muscoli e da un sistema nervoso) delle costruzioni moderne.

la disposizione dei locali, gli affacci, le sovrapposizioni, le interconnessioni, le giustapposizioni, gli adattamenti al suolo ed ai rilievi naturali del posto (roccia, terrazzamenti) delle diverse unità, hanno consentito nella fase di progettazione, di stabilire collegamenti in tutte le direzioni, tanto in pianta che in sezione.

ciascuna unità perciò, alla fine è stata dotata di un affaccio privilegiato e di uno spazio all’aperto (un piccolo giardino o un terrazzo).

il progetto inoltre, prevedeva di attrezzare – in collaborazione con telecom italia per quello che all’epoca era un progetto sperimentale e d’avanguardia – tutte le unità abitative (in vendita o in affitto) di connessioni internet veloci (…oggi pare nulla ma nel 1995?).

la gestione poi del borgo prevede un uso collettivo di alcuni servizi, come la lavanderia, la sauna e la piscina.

una porzione che pare di più recente edificazione ha integrato in una serie di terrazzamenti un parcheggio a livello della strada di accesso, due piani con numerosi box e rimesse ed un ultimo piano sottostante di residenze con terrazze.

http://www.colletta.it/it/

l’impressione che si prova percorrendo gli stretti e scoscesi passaggi tra le case è quella di trovarsi all’interno di un complesso omogeneo ed equilibrato, perfettamente integrato alla splendida natura circostante (forse anche per questo numerosi proprietari ed ospiti sono britannici).

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in architettura (progettare), luoghi (abitare) e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...