roma al 200.

in questo articolo su repubblica di domenica 26 maggio scorso, francesco erbani racconta dell’avventura di intima conoscenza della città costruita che il professor ermanno polla ha approfondito a roma negli ultimi 17 anni.

una roba di questo genere...

una roba di questo genere…

anche se può apparire incongruente con gli attuali tempi di generazione, scambio e trasmissione delle informazioni, si tratta di un lavoro esteso ed essenziale per la conoscenza della città.

questa vera e propria “relazione intima” tra gli edifici costruiti e l’architetto rilevatore, consente letture molto accurate e a diversi livelli del “corpo” della città.

ogni intervento sul tessuto urbano che partisse da tale estesa anamnesi, dovrebbe agevolare il lavoro critico di inserimento e trasformazione di ogni area di operazione.

peccato che questo strumento rischi di restare ignorato.

ad maiora.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in disegno (guardare), luoghi (abitare) e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...